I ragazzi nati nel 1998 e residenti in Italia possono richiedere il bonus 500 euro 18enni che sarà valido fino alla fine del 2017. Il buono viene garantito sotto forma di Carta elettronica e buoni spesa. Il bonus è di importo nominale e potrà essere utilizzato per attività culturali, come rappresentazioni teatrali, musei, mostre, eventi culturali, monumenti, gallerie, spettacoli e per l’acquisto di libri scolastici.

I neo 18enni hanno tempo fino a giugno per richiedere il bonus e fino a dicembre per spendere i 500 euro. Prima di tutto, è necessario che i ragazzi siano registrati su SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, da cui poi accedere ai servizi di Pubblica Amministrazione. Una volta fatto questo, basta accedere alla piattaforma 18App dedicata e scegliere le innumerevoli attività a disposizione.

Dopo questa lunga (e complicata) operazione, i ragazzi possono iniziare con gli acquisti. Se per esempio dovessero comprare dei libri, devo farsi dire dall’esercente il prezzo esatto che poi inseriranno nella piattaforma. Questo genere un codice nominativo che viene poi usato per fare gli acquisti. Il bonus 18enni funziona in maniera analoga a quello Carta docente.

Anche se sembra incredibile, appena il 40% degli aventi diritto stanno usufruendo del buono. A gennaio, dei 572-437 maggiorenni aventi diritto, solo 286.095 ha ottenuto l’identità digitale e 230mila erano iscritta alla piattaforma. Si deve inoltre aggiungere la rabbia degli esercenti a causa delle complicate procedure per l’accreditamento del buono e la sfiducia nei confronti del governo per riuscire a sostenere una tale spesa.