Pole DanceMILANO – Si è svolta il 20 e il 21 Febbraio allo Sporting Milano 3 di Basiglio, in provincia di Milano, la competizione di pole dance “Pole Art Italy” che ha visto esibirsi sul suo palco artisti e ballerini di tutte le categorie.
L’esibizione di ogni partecipante, come da regole di questa disciplina, permetteva ad ogni artista di esibirsi per 5 minuti portando agli occhi di giudici e pubblico tutta la bravura e l’arte unite a passione e dedizione a questo sport unico ed inimitabile.

Sul palco hanno gareggiato atleti di tutto il mondo e di tutte le età sfoggiando le loro abilità artistiche suddividendosi, in base alle capacità tecniche, in categorie: Juniors – Young Elite – Elite Women, Man e Doubles – Master –  Men, Women e Doubles  Amateurs e Semi-Pro.

Durante la gara sono state molte le esibizioni da togliere il fiato e molti gli atleti italiani che sono arrivati sul podio (come Maria Agatiello, Greta Pontarelli e Samantha Fabbrini) tenendo alto il nome di questo sport in Italia.

Storia
La pole dance, secondo fonti storiche, nasce in Nord America durante gli anni ’20 per poi mutare in un appuntamento fisso nei bar verso gli anni ’50, in contemporanea al Burlesque.
Da molti erroneamente scambiata per la lap dance, la pole è un mix di ginnastica e danza sviluppata intorno e sul palo praticata all’interno di palestre e non in strip club.
Le artiste e gli artisti di questa disciplina interpretano personaggi e spettacoli unendo la danza e la tecnica di questa ginnastica complessa alla passione e all’armonia del ballo sviluppando così magnifici spettacoli artistici che uniscono decenni di danza.

La pole dance è uno sport che permette un allenamento completo ed è praticabile a qualsiasi età e da qualsiasi sesso, unisce un elevata attività muscolare a un attività cardiaca ma, a differenza di altre discipline, ha bisogno di unire forza e resistenza a una buona dose di contorsionismo e di passione.

VNews24 si congratula con tutti i vincitori di questa edizione.