maturita

Il regolamento per gli esami di Maturità 2015 verrà pubblicato a breve, questo riporta Il Sole 24 Ore. Le novità saranno veramente poche rispetto allo scorso anno, come già annunciato dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma esistono comunque dei piccoli ritocchi riguardo le prove. In particolare, l’anno prossimo verrà attuata la riforma Gelmini ed il regolamento deve essere modificato in tal senso.
Non verrà attuata alcuna rivoluzione ma la seconda prova comprenderà le materie caratterizzanti di indirizzo. Per esempio, gli studenti del liceo scientifico opzione scienze applicate potrebbero avere scienze naturali, piuttosto che matematica o fisica. La prima e la terza prova, secondo le indiscrezioni, rimarranno invariate rispetto agli scorsi anni.
LEGGI ANCHE: Maturità, dietrofront del governo: tornano i commissari esterni?
SECONDA PROVA: COME CAMBIA – Le materie della seconda prova per la Maturità 2015 rimarranno quasi le stesse. Per il classico si potrà scegliere tra latino e greco, allo scientifico tra matematica e fisica. Gli studenti, negli ultimi anni, hanno sostenuto sempre la prova di matematica, mentre nel 2015 potrebbero trovarsi ad affrontare le teorie sull’elettromagnetismo. Stesso liceo ma con opzione scienze applicate, come già accennato, la scelta potrebbe riguardare anche scienze naturali. Gli studenti del liceo delle scienze umane, opzione economico-sociale, potranno trovarsi ad affrontare una tra diritto, economia politica e scienze umane. Per i tecnici, in particolare il settore economico, verrà dato maggior peso ad economia aziendale, alle lingue ed all’informatica.
PRIMA E TERZA PROVA: INVARIATE – La prima e la terza prova della Maturità 2015 resteranno, secondo le ultime indiscrezioni, invariate rispetto agli scorsi anni. In passato il ministro Giannini aveva sollevato la possibilità di vedere cambiamenti nello scritto di italiano, cercando di dare maggior risalto al saggio breve, e al ruolo della tesina per la prova orale.
LEGGI ANCHE: Maturità 2015: la Giannini elimina tesine e commissari esterni