“Non sapevo di essere incinta” è realtà: il caso di Varese

non sapevo di essere incinta

 

Varese – Il reality show “Non sapevo di essere incinta” che va in onda su RealTime è realtà. A raccontare l’incredibile storia di una donna 4oenne ci ha pensato il giornale locale La Prealpina di Varese. A quanto pare la donna è arrivata in ospedale accusando forti dolori addominali, poco tempo dopo la 40enne, già madre, ha dato alla luce un bambino. La donna ha raccontato ai medici di guardia che hanno assistito al parto inatteso, di non essere a conoscenza del suo stato di gravidanza.

LEGGI ANCHE: DONNA IN MORTE CEREBRALE DIVENTA “INCUBATRICE” PER SALVARE IL SUO BEBE’

Quei forti dolori alla pancia non le davano tregua e la donna quindi, una 40enne di nome Emilia, si è fatta portare dal marito al pronto soccorso di Circolo, a Varese. I medici di guardia avevano appena iniziato a visitarla nella sala emergenze quando si sono rotte le acque. E a quel punto si vedeva già la testa del piccolo: due spinte e il bambino, a cui è stato dato il nome di Gabriele, è venuto al mondo. La donna, in evidente stato di choc ha detto: “non sapevo di essere incinta”. Con la coppia era arrivato al pronto soccorso anche il primo figlio di Emilia, che la donna ancora allatta.

LEGGI ANCHE: RESTA INCINTA PER UN ERRORE MEDICO, DOTTORE MANTERRA’ IL BAMBINO

Il parto è avvenuto nella sala emergenze del pronto soccorso, ad assistere la donna non c’erano ginecologi e ostetriche, ma medici internisti e rianimatori: tutto è avvenuto in pochi minuti e senza complicazioni. Di fondamentale importanza è stato il supporto dato dalle infermiere che avevano avuto esperienze di lavoro con mamme e bambini. Gli infermieri che hanno preso in carico la donna hanno subito individuato la forma inequivocabile della pancia della donna, e cioè quella di chi aspetta un bambino. Eppure la signora non sospettava affatto di essere di nuovo incinta, tanto che di fronte ai dolori si è fatta accompagnare all’ospedale di Circolo, pensando a un “problema” di tutt’altro genere.”Queste belle sorprese danno un senso di completezza alla nostra missione”, ha dichiarato il primario Francesco Perlasca.

Commenti

Seguici su Facebook!