defensorcarrete1 (676 x 500)Festeggiano una vittoria della loro squadra di calcio organizzando un’orgia e mettono le foto su facebook scatenando uno scandalo.

Non è la trama di uno degli episodi della saga cinematografica “Porky’s” , ma quanto organizzato da due “geniali” calciatori del  Defensor Sporting, squadra uruguayana, per festeggiare la vittoria contro l’Atletico National, nell’andata dei quarti di finali della Copa Libertadores. Dopo la partita Matías Malvino e Ramón Arias hanno organizzato un festino con alcune ragazze, in una delle stanze dell’hotel di Medellin (Colombia), dove erano alloggiati prima della partita. Il problema è nato dal fatto che le immagini della “festa”, riprese con i cellulari, hanno cominciato a circolare per i social network e ben presto ne è nato un caso dai risvolti politici e sportivi.

LEGGI ANCHE: gli avversari dell’italia al Mondiale

I dirigenti del Defensor Sporting, hanno aperto una sorta di indagine interna. Il presidente della squadra di calcio, ha detto: “Dopo aver preso tutte le informazioni, decideremo le sanzioni”. Si pensa che ai due sarà comminata una multa salata e che per punizione, non saranno convocati per la prossima partita del Defensor.

I tifosi e il pubblico dell’Uruguay non si sono dimostrati troppo arrabbiati contro i calciatori. Anzi a giudicare dal fatto che le foto sono diventati virali conoscendo un successo davvero clamoroso schizzando in testa della classifica delle foto più cliccate. Sarebbe curioso di capire cosa accadrebbe se un episodio simile dovesse verificarsi nel nostro Paese. Sarebbe facilmente prevedibile la sfilata davanti alle telecamere di falsi moralizzatori, perbenisti, bigotti, i quali metterebbero alla berlina i responsabili trovando facile megafono nei media che parlerebbero alla pancia del Paese provincialotta e clericale.

LEGGI ANCHE: quando un selfie uccide allo stadio

In Uruguay, è vero, ci sono state polemiche, ma nessuno ha invocato pene esemplari per i due calciatori, i quali potrebbero essere accusati solo di leggerezza per avere messo le foto delle loro gesta sui social network”