allergie

Asma e allergie – Una nuova perturbazione colpirà il nostro paese questa settimana. Il maltempo è nemico di tutti quelli che soffrono di asma e allergie. Se in primavera la pioggia aiuta ad eliminare i pollini in eccesso, in inverno la sua presenza provoca tutt’altro effetto. Infatti nella stagione fredda, le piogge possono provocare un vero e proprio boom di asma, allergia e problemi respiratori.

Sia gli studi scientifici che il vero e proprio incremento di malori tra i pazienti nei periodi molto piovosi confermano che le piogge contribuiscono a peggiorare i sintomi di allergia. Come mai questi incrementi? L’umidità contribuisce alla formazione e propagazione delle muffe. Nei soggetti più sensibili le muffe causano allergia e possono aumentare le infezioni respiratorie. I più esposti alle muffe sono i bambini, che possono sviluppare delle bronchiti asmatiche, disturbi che presentano sintomi simili alle allergie, ma che sono in realtà delle vere e proprie malattie infettive.

Nei bambini e nei soggetti particolarmente sensibili, le muffe possono provocare delle vere e proprie allergie che si manifestano con riniti, eczemi, dermatiti, oltre che con problemi dell’apparato respiratorio relativamente gravi, come la bronchite e l’asma. Attenzione dunque alle muffe che possono nascondersi proprio tra le mura di casa.

Per prevenire il manifestarsi di queste problematiche, è necessario quindi evitare gli accumuli di umidità e prevenire la formazione delle muffe nelle stanze più umide con l’utilizzo di un deumidificatore per evitare allergie e problemi respiratori.

Fonti: greenme, centro meteo italiano