CHINA-EDUCATION_Girls-300x206

Erbicida e veleno per topi negli yogurt ingeriti dai bambini di una scuola elementare cinese: era questo il piano di una 34enne che ha ridotto in gravi condizioni 19 bimbi, portati d’urgenza all’ospedale non appena i maestri si sono accorti di quanto accaduto. La notizia è stata riferita dall’agenzia di stampa “Nuova Cina”. Tre delle vittime sono in condizioni particolarmente gravi, eppure i medici hanno chiarito che il pericolo di vita è scampato e che si tratterà solo di rimettere in sesto i bambini avvelenati, apparentemente, senza un motivo preciso: è proprio sul movente che le indagini proseguono. Della donna di 34 anni che ha consegnato quegli yogurt avvelenati si sa solo che soffre di disturbi mentali: il gesto potrebbe essere stato dettato da una volontà meccanica ed immotivata, ma il corso delle indagini svelerà maggiori dettagli sulla dinamica.

E’ il secondo caso, questo, in cui bambini molto piccoli soffrono le conseguenze delle decisioni degli adulti, come quanto accadde il maggio scorso, quando la preside di un asilo rivale a quello in cui avvenne la tragedia avvelenò con veleno per topi degli yogurt e li lasciò accanto alla porta d’entrata della scuola-bersaglio. In quel caso, due bambine addirittura decedettero a causa di questo complotto: il loro organismo fu troppo debole per sopportare l’intossicazione.