pakistan

Pakistan. Il sisma di martedì riporta ad oggi ben 515 vittime. Nonostante le difficoltà dei sopravvissuti che, nel sisma, hanno perso tutto, i separatisti armati continuano ad attaccare la regione terremotata senza sosta. E’ qui che il governo del Baluchistan si è fatto sentire con un appello proprio ai gruppi bellicosi, affinché gli scontri cessino, almeno fino a quando i terremotati: “Impediscono di far pervenire aiuti alla popolazione che ha perso tutto nel disastro”, è stato riferito da DawnNews Tv, ma le affermazione più inquietanti arrivano dalla testimonianza di Jan Muhammad Buledi, portavoce del governo provinciale, pronunciatosi ieri sera in una conferenza stampa. Si tratta di veri e propri attacchi armati ai soccorritori: Buledi è sicuro che “molta gente morirà di fame se questi attacchi continuano” e lancia un appello affinché gli aiuti arrivino in primis a donne e bambini, che rappresentano lo strato sociale più bisognoso.

Proprio poche ore prima dell’appello di Buledi, un reparto delle Guardie di frontiera impegnato nei soccorsi è stato attaccato, apparentemente da sconosciuti, così come anche un elicottero che ospitava il Presidente dell’Ndma (Authority nazionale per la gestione dei disastri) ha rischiato per poco di essere abbattuto da due razzi sotto il controllo di un gruppo di militanti.